L'Unione Postale Universale

con l'elenco degli istituti che vi aderiscono

L'Unione Postale Universale

06-01
United Nations specialised agency - www.upu.int

L'Unione postale universale (UPU, francese: Union postale universelle), istituita dal Trattato di Berna del 1874, è un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite (ONU) che coordina le politiche postali tra i paesi membri, oltre al sistema postale mondiale . L'UPU contiene quattro organi composti dal Congresso, dal Consiglio di Amministrazione (CA), dal Consiglio delle Operazioni Postali (POC) e dall'Ufficio Internazionale (IB). Supervisiona anche le cooperative Telematics and Express Mail Service (EMS). Ogni membro accetta gli stessi termini per lo svolgimento dei doveri postali internazionali. La sede centrale dell'UPU si trova a Berna, in Svizzera.

Storia

Trattati bilaterali

Prima dell'istituzione dell'UPU, ogni coppia di paesi che si scambiava posta doveva negoziare un trattato postale tra loro. In assenza di un trattato che prevedesse la consegna diretta delle lettere, la posta doveva essere inoltrata attraverso un paese intermedio. Gli accordi postali erano complessi e sovrapposti. Nel 1853, gli Stati Uniti avevano un trattato postale con la Prussia, ma alcuni stati della Germania meridionale stavano inviando la loro posta diretta negli Stati Uniti attraverso la Francia. Poiché non esisteva un trattato postale tra gli Stati Uniti e la Francia, la posta doveva viaggiare su una nave britannica o belga. Il postmaster-generale degli Stati Uniti James Campbell dubitava "se ... l'accordo può essere tranquillamente continuato", ma vide la speranza in un trattato postale con Brema che coprisse anche l'Unione postale austro-tedesca.

I negoziati per i trattati postali potrebbero trascinarsi per anni. Gli Stati Uniti stilarono un trattato postale con la Francia nel 1852, ma i due paesi non erano d'accordo su come dividere la spedizione interna, e un trattato non fu firmato fino al 1857. Tuttavia, il trattato fu lasciato scadere. Elihu Washburne, il nuovo ministro degli Stati Uniti in Francia, arrivò a Parigi nel 1869 per trovare "lo spettacolo singolare ... di nessun accordo postale tra due paesi collegati da così tante relazioni commerciali e sociali". Gli Stati Uniti e la Francia si scambiarono finalmente le ratifiche di un trattato postale nel luglio 1874, appena tre mesi prima che l'Unione postale universale rendesse il trattato non necessario. Un esasperato Washburne si lamentò: "Non c'è nazione al mondo più difficile da trattare della Francia".


06-02
Heinrich von Stephan, direttore generale delle poste tedesche e fondatore dell'Unione postale generale

L'Unione postale generale

Di fronte a tali difficoltà nello scambio di posta con l'Europa, gli Stati Uniti avevano già assunto un ruolo guida nel chiedere miglioramenti agli accordi postali internazionali. Il direttore delle poste degli Stati Uniti, il generale Montgomery Blair, chiese un Congresso postale internazionale nel 1863. Riuniti a Parigi, i delegati hanno stabilito alcuni principi generali per la cooperazione postale, ma non sono riusciti a raggiungere un accordo.

La vittoria tedesca nella guerra franco-prussiana eliminò gli ostacoli a un'unione postale. Dopo aver sconfitto Napoleone III nel 1870, la Confederazione Tedesca del Nord e gli Stati della Germania del Sud si unirono per formare l'Impero tedesco. Il Reichspost tedesco stabilì una serie uniforme di tariffe postali e regolamenti per il nuovo paese, ma l'uniformità terminò al confine tedesco. Erano necessarie diverse quantità di affrancatura per spedire una lettera da Berlino a New York, a seconda di quale nave trasportava la lettera attraverso l'Oceano Atlantico. Per mettere ordine nel sistema della posta internazionale, il postmaster-generale tedesco Heinrich von Stephan convocò un altro Congresso postale internazionale nel 1874.

Riuniti a Berna, in Svizzera, i delegati hanno concordato tutte le proposte di von Stephan. Il Trattato di Berna fu firmato il 9 ottobre 1874, stabilendo quella che allora era conosciuta come l'Unione Postale Generale. Il trattato prevedeva che:



06-03
100 anni di UPU commemorati su un francobollo statunitense

Ulteriori sviluppi

Il Trattato di Berna era stato firmato da 21 Paesi, 19 dei quali si trovavano in Europa. I delegati austriaci e ungheresi firmarono separatamente, ma il preambolo del trattato considerava l'Austria-Ungheria come un unico paese.

Dopo l'istituzione dell'Unione postale generale, i suoi membri crebbero rapidamente con l'adesione di altri paesi. Al secondo Congresso dell'Unione Postale nel 1878, fu ribattezzata Unione Postale Universale.

Il francese era l'unica lingua ufficiale dell'UPU fino a quando l'inglese non fu aggiunto come lingua di lavoro nel 1994. La maggior parte dei documenti e delle pubblicazioni dell'UPU, tra cui la sua rivista di punta, Union Postale, sono disponibili nelle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite, francese, inglese, arabo, cinese, russo e spagnolo.

Verso la fine del 19° secolo, l'UPU ha emesso regole riguardanti il design dei francobolli, intese a garantire la massima efficienza nella gestione della posta internazionale. Una regola specificava che i valori dei francobolli fossero indicati in numeri, poiché le denominazioni scritte in lettere non erano universalmente comprensibili. Un altro richiedeva ai paesi membri di usare gli stessi colori sui loro francobolli emessi per le cartoline postali (verde), le lettere normali (rosso) e la posta internazionale (blu), un sistema che rimase in uso per diversi decenni.

Dopo la fondazione delle Nazioni Unite, l'UPU divenne un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite nel 1948. Attualmente è la terza più antica organizzazione internazionale dopo la Commissione del Reno e l'Unione internazionale delle telecomunicazioni.


La gestione dei proventi

Le spese terminali

Il trattato del 1874 prevedeva che il paese di origine tenesse tutte le entrate postali, senza compensare il paese di destinazione per la consegna. L'idea era che ogni lettera avrebbe generato una risposta, quindi i flussi postali sarebbero stati in equilibrio. Tuttavia, altre classi di posta avevano flussi squilibrati. Nel 1906, le poste italiane consegnavano 325.000 periodici spediti da altri paesi in Italia, mentre gli editori italiani non spedivano periodici ad altri paesi. Il sistema ha inoltre incoraggiato i paesi a rivviare la posta attraverso un altro paese (remailing), costringendo il servizio postale intermedio a sostenere i costi di trasporto verso la destinazione finale.

Il remailing fu vietato nel 1924, ma l'UPU non intraprese alcuna azione sui flussi squilibrati fino al 1969. Il problema dei flussi squilibrati divenne acuto dopo la decolonizzazione, poiché dozzine di ex colonie europee entrarono nell'UPU come stati indipendenti. I paesi in via di sviluppo hanno ricevuto più posta di quella che hanno inviato, quindi volevano essere pagati per la consegna.

Nel 1969, l'UPU introdusse un sistema di spese terminali. Quando due paesi avevano flussi di posta squilibrati, il paese che inviava più posta doveva pagare una tassa al paese che riceveva più posta. L'importo era basato sulla differenza di peso della posta inviata e ricevuta. Poiché il Consiglio esecutivo non era stato in grado di elaborare un sistema di compensazione basato sui costi dopo cinque anni di studio, le spese terminali sono state fissate arbitrariamente a mezzo franco d'oro (0,163 DSP) per chilogrammo. Nello stesso anno istituisce il 9 ottobre, la Giornata mondiale delle poste.



06-04
Il monumento UPU (Weltpostdenkmal) a Berna, bronzo e granito, di René de Saint-Marceaux (1909), i cinque continenti si uniscono per trasmettere messaggi in tutto il mondo, in seguito adottato (1967) come logo dell'organizzazione. Un francobollo in onore dello scultore e del monumento è stato emesso congiuntamente da Svizzera e Francia.

Modifiche

Una volta istituite, le spese terminali sono state un importante argomento di discussione in ogni successivo congresso dell'Unione Postale. Il congresso del 1974 triplicò le spese terminali a 1,5 franchi d'oro, e il Congresso del 1979 le triplicò di nuovo a 4,5 franchi d'oro. Il Congresso del 1984 aumentò le spese terminali di un altro 45%.

Il sistema delle spese terminali ha anche creato nuovi vincitori e vinti. Poiché le spese terminali erano fisse, i paesi a basso costo che erano destinatari netti avrebbero realizzato un profitto sulla consegna della posta internazionale. I paesi in via di sviluppo erano destinatari a basso costo, ma lo erano anche i paesi sviluppati come gli Stati Uniti e il Regno Unito. Poiché le quote erano pagabili in base al peso, i periodici avrebbero comportato maggiori spese terminali rispetto alle lettere.

I persistenti squilibri di bilancio hanno richiesto ripetute modifiche al sistema delle spese terminali. Nel 1988 una tassa per articolo è stata inclusa nelle spese terminali per far salire il costo del remailing, un vecchio flagello che era tornato. Per risolvere il problema dei periodici, nel 1991 l'UPU ha adottato un sistema di "soglie" che fissa tariffe letterarie e periodiche separate per i paesi che ricevono almeno 150 tonnellate di posta all'anno. Il Congresso postale del 1999 stabilì le spese terminali "specifiche per paese" per i paesi industrializzati, offrendo un tasso più basso ai paesi in via di sviluppo.


Lo spostamento degli equilibri e gli Stati Uniti

Nel 2010, gli Stati Uniti erano un mittente netto perché spedivano merci in altri paesi. Quell'anno, il servizio postale degli Stati Uniti ha fatto un surplus di $ 275 milioni sulla posta internazionale. Inoltre, il sistema UPU era disponibile solo per i servizi postali statali. Le basse spese terminali hanno dato al servizio postale degli Stati Uniti un vantaggio rispetto ai servizi postali privati come DHL e FedEx. Per proteggere i propri profitti sull'invio di posta internazionale, gli Stati Uniti hanno votato con i paesi in via di sviluppo per mantenere basse le spese terminali. A loro si opposero la Bundespost tedesca e la Norwegian Post, che volevano aumentare le spese terminali.

Tuttavia, le basse spese terminali si sono ritorte contro gli Stati Uniti a causa dei cambiamenti nei flussi di posta. Con la crescita dell'e-commerce, gli Stati Uniti hanno iniziato a importare più merci attraverso la posta. Nel 2015, il servizio postale degli Stati Uniti ha registrato per la prima volta un deficit netto sulla posta internazionale. I deficit sono aumentati a $ 80 milioni nel 2017. L'UPU ha istituito un nuovo sistema di remunerazione nel 2016, una mossa che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che "migliorerebbe drasticamente la copertura dei costi dell'USPS per la consegna di ... pacchetti dalla Cina e da altri paesi in via di sviluppo". Tuttavia, il presidente della Commissione di regolamentazione postale non era d'accordo.

Il congresso straordinario del 2019

Con lo scoppio della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti nel 2018, la questione delle spese terminali è stata messa in primo piano. Gli americani si sono lamentati del fatto che spedire un pacco dalla Cina agli Stati Uniti costa meno che spedire lo stesso pacchetto negli Stati Uniti. All'epoca, la scala degli indicatori di sviluppo postale dell'UPU veniva utilizzata per classificare i paesi in quattro gruppi, dai più ricchi ai più poveri. Gli Stati Uniti erano un paese del Gruppo I, mentre la Cina era un paese del Gruppo III, insieme a paesi come il Messico e la Turchia che avevano un PIL pro capite simile. Di conseguenza, la Cina ha pagato spese terminali inferiori rispetto agli Stati Uniti. L'amministrazione di Donald Trump si è lamentata di essere "costretta a sovvenzionare pesantemente piccoli pacchi che entrano nel nostro paese". Il 17 ottobre 2018 gli Stati Uniti hanno annunciato che si sarebbero ritirati dall'UPU in un anno e avrebbero autodichiarato le tariffe addebitate ad altri servizi postali.

L'Unione postale universale ha risposto nel maggio 2019 convocando, solo per la terza volta nella sua storia, un Congresso straordinario per il 24-26 settembre 2019. I membri hanno respinto una proposta presentata dagli Stati Uniti e dal Canada, che avrebbe permesso l'autodichiarazione delle spese terminali. L'UPU ha poi approvato all'unanimità un compromesso franco-tedesco per consentire spese terminali auto-dichiarate fino al 70% del tasso di affrancatura nazionale e aumentare le spese terminali UPU del 119-164%, introducendo gradualmente entrambe le modifiche dal 2021 al 2025. Inoltre, i paesi che ricevono più di 75.000 tonnellate di posta potrebbero optare per le spese terminali auto-dichiarate il 1° luglio 2020 in cambio di un "contributo" di $ 40 milioni all'UPU. Gli Stati Uniti sono stati l'unico paese che ha ricevuto più di 75.000 tonnellate di posta. Il consigliere di Trump, Peter Navarro, ha dichiarato che l'accordo "ha più che raggiunto l'obiettivo del presidente", ma ha negato che gli Stati Uniti stessero "comprando" l'accordo con il suo "contributo". Il direttore dell'UPU, Siva Somasundram, ha salutato l'accordo come "una decisione storica per il multilateralismo e l'Unione".

Standard

Gli standard sono prerequisiti importanti per operazioni postali efficaci e per l'interconnessione della rete globale. L'Standards Board dell'UPU sviluppa e mantiene un numero crescente di standard internazionali per migliorare lo scambio di informazioni relative alle poste tra gli operatori postali. Promuove inoltre la compatibilità delle UPU e delle iniziative postali internazionali. L'organizzazione lavora a stretto contatto con organizzazioni di gestione postale, clienti, fornitori e altri partner, tra cui varie organizzazioni internazionali. Lo Standards Board garantisce che vengano sviluppate normative coerenti in settori quali lo scambio elettronico di dati (EDI), la codifica della posta, i moduli postali e i contatori. Gli standard UPU sono redatti in conformità con le regole indicate nella parte V delle "Informazioni generali sulle norme UPU" e sono pubblicati dall'Ufficio internazionale upU in conformità con la parte VII di tale pubblicazione.

Congressi

Il Congresso Postale Universale è l'organo più importante dell'UPU. Lo scopo principale del Congresso quadriennale è quello di esaminare le proposte di modifica degli atti dell'UPU, tra cui la Costituzione dell'UPU, i Regolamenti generali, la Convenzione e l'Accordo sui servizi di pagamento postale. Il Congresso funge anche da forum per i paesi membri partecipanti per discutere una vasta gamma di questioni che hanno un impatto sui servizi postali internazionali, come le tendenze del mercato, la regolamentazione e altre questioni strategiche. Il primo Congresso dell'UPU si tenne a Berna, in Svizzera, nel 1874. Hanno partecipato delegati provenienti da 22 paesi. I congressi UPU si tengono ogni quattro anni e i delegati spesso ricevono speciali album filatelici prodotti dai paesi membri che coprono il periodo successivo al precedente Congresso.

Paesi membri

Tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite sono autorizzati a diventare membri dell'UPU. Uno Stato non membro delle Nazioni Unite può anche diventare membro se due terzi dei paesi membri dell'UPU approvano la sua richiesta. L'UPU conta attualmente 192 membri (190 stati e due membri congiunti di gruppi di territori dipendenti).

Gli stati membri dell'UPU sono la Città del Vaticano e tutti i membri delle Nazioni Unite tranne Andorra, Isole Marshall, gli Stati Federati di Micronesia e Palau. Questi quattro stati hanno la loro posta consegnata attraverso un altro membro dell'UPU (Francia e Spagna per Andorra e Stati Uniti per gli stati del Patto di Libera Associazione). I paesi costituenti d'oltremare del Regno dei Paesi Bassi (Aruba, Curaçao e Sint Maarten) sono rappresentati come un unico membro dell'UPU, così come l'intero territorio britannico d'oltremare. Questi membri erano originariamente elencati separatamente come "Colonie, Protettorati, ecc." nella Convenzione postale universale e furono nonni quando l'appartenenza era limitata agli stati sovrani.

06-05

Osservatori

La Palestina è uno stato osservatore all'ONU e nel 1999 le è stato concesso lo status di osservatore speciale all'UPU. Nel 2008 Israele ha accettato che la posta palestinese fosse instradata attraverso la Giordania, anche se questo non era stato implementato a partire dal novembre 2012. La Palestina ha iniziato a ricevere posta diretta nel 2016. Nel novembre 2018, la Palestina ha firmato i documenti di adesione all'UPU. Tuttavia, la sua candidatura per l'adesione è stata sconfitta nel settembre 2019 con un voto di 56-23-7, con 106 paesi che non hanno votato, il che non è stato all'altezza della maggioranza dei due terzi richiesta per l'appartenenza all'UPU.

Stati con riconoscimento limitato

Gli Stati con riconoscimento limitato devono instradare la loro posta attraverso terzi, poiché l'UPU non consente consegne dirette.

Stato Inoltro via
Abkhazia Russia
Artsakh Armenia
Kosovo Serbia
Northern Cyprus Turkey
Sahrawi Republic Algeria
South Ossetia Russia
Taiwan United States, Japan
Transnistria Moldova
British Indian Ocean Territory
incluso Diego Garcia
I francobolli del Territorio britannico dell'Oceano Indiano sono vietati dall'UPU; devono essere utilizzatii i francobolli di Mauritius ad eccezione della posta all'interno del territorio o direttamente verso il Regno Unito.

Paesi o territori che non sono membri dell'UPU

06-06
Paesi o territori che non sono membri dell'U.P.U.

Attività filateliche

L'Unione postale universale, in collaborazione con l'Associazione mondiale per lo sviluppo della filatelia, ha sviluppato il sistema di numerazione WADP (WNS). È stato lanciato il 1º gennaio 2002. Il sito web mostra voci per 160 paesi ed entità postali emittenti, con oltre 25.000 francobolli registrati dal 2002. Molti di loro hanno immagini, che generalmente rimangono protette da copyright dal paese di emissione, ma l'UPU e il WADP consentono di scaricarle.

Telecomunicazioni

In alcuni paesi, il telegrafo e successivamente i telefoni passavano sotto lo stesso dipartimento governativo del sistema postale. Allo stesso modo c'era un International Telegraph Bureau, con sede a Berna, simile all'UPU. L'Unione internazionale delle telecomunicazioni facilita attualmente le comunicazioni elettroniche internazionali.

Al fine di integrare i servizi postali e Internet, l'UPU sponsorizza .post. Sviluppando i propri standard, l'UPU prevede di svelare una gamma completamente nuova di servizi postali digitali internazionali, tra cui l'e-post. Hanno nominato un organismo, il .post group (DPG), per supervisionare lo sviluppo di quella piattaforma.