Tematica Uccelli


Threskiornis aethiopicus Latham, 1790

Foto: Steve Garvie(Da: it.wikipedia.org)

Phylum: Chordata Bateson, 1885

Subphylum: Vertebrata Cuvier, 1812

Classe: Aves Linnaeus, 1758

Ordine: Pelecaniformes Sharpe, 1891

Famiglia: Threskiornithidae Richmond, 1917

Genere: Threskiornis Gray, 1842

 

Italiano: Ibis sacro

English: Sacred Ibis

Français: Ibis sacré

Deutsch: Heiliger Ibis

Español: Ibis Sagrado


Altre sottospecie: Tassonomicamente, non è diviso in alcuna sottospecie.

Descrizione: Uccello caratteristico, si presenta con un piumaggio uniformemente bianco (presentante alcuni riflessi verdi o bluastri, zampe, becco e coda nere. Si registrano alcuni casi di melanismo. L'ibis sacro ha una taglia abbastanza grande: è lungo infatti sui 56-69 cm con un peso di 1-1,9 kg e un'apertura alare di 112-123 cm. Come tutti i ciconiformi, vola con le ali aperte e le zampe slanciate (in modo particolarmente simile alla cicogna bianca) e, proprio osservandolo durante questo movimento, si può notare il sottoala, di un bianco meno chiaro rispetto a quello del piumaggio. Come gli altri rappresentanti del genere Threskiornis, a dispetto degli altri ibis, è prevalentemente una specie diurna, attiva da poco dopo l'alba sino al tramonto. Si riunisce in grandi gruppi, che possono superare le 100 unità, ma che durante il periodo dell'accoppiamento toccano i 4-500 esemplari. Nonostante a volte mangi semi o alghe, l'ibis sacro è prevalentemente carnivoro: caccia, prevalentemente in acqua pesci, invertebrati, serpentelli e batraci, non disdegnando nemmeno le carogne. La sua tecnica è piuttosto semplice: fissata la preda prescelta, l'ibis la segue con lo sguardo e, alla prima occasione propizia, l'afferra con una beccata precisa, ingoiandola intera. L'ibis sacro è stato anche osservato intento a ghermire i giovani coccodrilli appena nati o persino le uova e i piccoli delle tartarughe marine, nel momento della schiusa, sulle spiagge africane. La riproduzione avviene in estate, tra giugno ed agosto: gli ibis sacri si riuniscono nei succitati grandi gruppi e i maschi si formano un harem di femmine, tentando pure di sottrarle ai rivali, sfidandoli in incruente lotte, formate da gonfiamenti del petto e gorgheggi striduli col solo scopo di intimorire l'avversario. L'ovodeposizione consiste in 1-5 uova (nella maggior parte dei casi 2 o 3), covate esclusivamente della femmina, che si occupa anche di nutrire i pulcini. I giovani ibis sacri si rendono indipendenti a 4-5 settimane di vita, e a 20 sono in grado di riprodursi. Possono vivere sino a 18 anni. L'ibis sacro, nidificando in colonie, viene a contatto con altri volatili, affini ad esso come abitudini. Sul delta del fiume Okavango, durante i periodi d'abbondanza ittica, sono state viste battute di caccia degli ibis con altri uccelli acquatici come umbrette, pellicani, aironi, cormorani e aninghe. La specie non ha nemici abituali in natura, anche se talvolta può subire la predazione da parte dei pitoni, di qualche uccello rapace o soprattutto dei coccodrilli, mentre i nidacei rischiano di cader vittima dei serpenti, dei varani e anche dei babbuini, allo stesso tempo avidi razziatori di uova. L'ibis sacro pare essere un animale abbastanza antico: reperti fossili rinvenuti in Malawi hanno testimoniato l'esistenza dell'animale già 2 milioni di anni fa. Un milione di anni prima, è fissato il punto di scissione tra aironi ed ibis, confermando la vicinanza tra questi due gruppi di volatili. I 3 milioni di anni sono un'inezia in confronto al fatto che la divergenza uccelli-rettili avvenne 205 milioni di anni fa. All'interno del genere Threskiornis, due sono le specie morfologicamente più simili all'ibis sacro: Threskiornis bernieri, ibis sacro del Madagascar, che si distingue semplicemente per avere le punte delle ali nere e dimensioni leggermente inferiori (a volte classificato infatti come sottospecie di T. aethiopicus), e la forma australiana Threskiornis molucca, ibis bianco australiano, più massiccio dell'ibis sacro. Una terza specie simile all'ibis sacro, Threskiornis solitarius, l'ibis sacro di Réunion, incapace di volare, si estinse nel XVIII secolo. L'ibis sacro era una animale fondamentale nella religione egizia, dato che la sua immagine era, con quella del babbuino, associata al dio Thot, simbolo dell'intelligenza e rappresentato anche con un ibis nel suo geroglifico. Considerato allo stesso momento utile (divorava serpenti e carogne) e puro (beveva solo acqua limpida e pura, usata poi dai sacerdoti per funzione rituale), l'ibis sacro era considerato intelligente per lo sguardo sempre fermo sull'obiettivo e le posture eleganti. Gli ibis erano allevati in grandi spazi aperti per poi essere uccisi, mummificati e messi in anfore da dare ai fedeli che invocavano una grazia a Toth. Lo stesso avveniva col falco, simbolo di Horo, e migliaia di falchi ed ibis "pronti all'uso" vennero rinvenuti nella necropoli di Ermopoli. Ciò, però, ha fatto venire un dubbio agli archeologi, facendo pensare che tantissime varietà di animali sacri venissero allevate solo per poi essere uccise a scopo sacrificale: la questione, nonostante i vari ritrovamenti, è ancora dibattuta. Plinio il Vecchio, infine, nel X volume della Naturalis historia, parla di come gli ibis venissero invocati contro le incursioni dei serpenti e addirittura addomesticati dalla popolazione contro gli stessi e del fatto che più volte i sacerdoti fermarono epidemie di peste immolando agli dèi un ibis sacro.

Diffusione: Frequenta una grande varietà di ambienti: di preferenza, si trova in paludi, fiumi e acquitrini, ma si spinge anche fino ai margini delle città e alle coste marine. Ha una distribuzione abbastanza ampia: essa abbraccia tutto il continente africano a sud del Deserto del Sahara (escludendo tuttavia le altre aree desertiche) e parte del Medio Oriente (fino all'Iraq), regione dove, come già riferiva Gould, è abbondante. Si riscontra vicino ai grandi fiumi, come il Nilo, ilNiger, il Tigri e l'Eufrate. Storicamente diffuso in Egitto (era sacro al dio Thot al tempo dei Faraoni), dal XIX secolo è totalmente scomparso da quella zona, a causa della caccia che gli è stata data, anche se a volte qualche individuo è stato ritrovato nel delta del Nilo. In tempi recenti, l'ibis sacro è stato introdotto anche in altri luoghi, tra cui la Francia, l'Italia (nel sud, Sicilia compresa, anche se si rinviene in alcuni luoghi del nord, come il Parco naturale delle Lame del Sesia, presso Vercelli, ove pare essere arrivato spontaneamente), la Spagna e la Florida, dove è presente in buona quantità. La popolazione degli ibis è calcolata in centinaia di migliaia di individui, il che, insieme alle grandi capacità di adattamento di questa specie, fa sì che non sia in pericolo di estinzione.


Data: 18/11/1953

Emissione: Diga di Edea

Stato: Cameroon

Data: 04/09/1959

Emissione: Avifauna delle zone umide della Somalia

Stato: Somalia


Data: 24/10/1960

Emissione: Posta ordinaria

Stato: French Somali Coast

Data: 20/04/1963

Emissione: Avifauna protetta

Stato: Congo (Kinshasa)


Data: 09/10/1965

Emissione: Avifauna

Stato: Uganda

Data: 25/01/1969

Emissione: Avifauna

Stato: Manama


Data: 25/01/1969

Emissione: Uccelli

Stato: Ajman

Data: 30/06/1975

Emissione: Avifauna acquatica

Stato: Rwanda


Data: 20/09/1976

Emissione: Avifauna mauritanica

Stato: Mauritania

Data: 24/09/1990

Emissione: La natura

Stato: Sierra Leone


Data: 10/12/1991

Emissione: Uccelli

Stato: Madagascar

Data: 26/08/1994

Emissione: Europa - esploratori svedesi

Stato: Sweden


Data: 04/08/1997

Emissione: Uccelli

Stato: Botswana

Data: 27/11/1997

Emissione: Avifauna degli ambienti costieri

Stato: Tanzania


Data: 23/03/1999

Emissione: Turismo 24 v. in libretto

Stato: Tanzania

Data: 20/12/1999

Emissione: Serie ordinaria

Stato: Zambia


Data: 18/02/2000

Emissione: Natura dell'Africa

Stato: Gambia

Data: 08/11/2004

Emissione: Avifauna africana

Stato: Burundi


Data: 05/05/2008

Emissione: Facoceri e uccelli

Stato: Guinea-Bissau

Data: 29/08/2009

Emissione: Avifauna gambiense

Stato: Gambia


Data: 26/09/2011

Emissione: Avifauna marina dell'Africa dell'Est

Stato: Sierra Leone

Data: 28/09/2011

Emissione: Africa dell'Ovest

Stato: Togo


Data: 28/12/2012

Emissione: Zoo di Tashkent

Stato: Uzbekistan