Tematica Vegetali fossili


Paleobatrachus diluvianus Goldfuss, 1831

foto 6
Palaeobatrachus sp.
Foto: Jeyradan
(Da: en.wikipedia.org)

Phylum: Chordata Haeckel, 1874

Classe: Amphibia Gray 1825

Ordine: Anura Duméril, 1806

Famiglia: Palaeobatrachidae Cope, 1865

Genere: Palaeobatrachus Tschudi, 1839

Descrizione

Il Paleobatraco aveva un cranio relativamente largo a forma di arco gotico. Il suo corpo era relativamente grande, con una lunghezza compresa tra 8 e 10 centimetri (da 3,1 a 3,9 pollici) e la femmina era solitamente piů grande del maschio (dimorfismo sessuale). I suoi resti scheletrici sono abbondanti nei sedimenti d'acqua dolce nella Boemia occidentale, nella Geiseltal (Germania occidentale) e nella Germania orientale. A volte si conservano molto bene, con impronte di organi interni, muscoli, nervi, vasi sanguigni ed epidermide, e con tracce di colorazione. Sono stati trovati anche girini e uova. Queste rane vivevano permanentemente nell'acqua. I loro polmoni a forma di borsa, sul lato dorsale del corpo, consentivano loro di rimanere sommersi per lunghi periodi. Abitavano bacini di drenaggio o paludi dove si formavano depositi di lignite. Come il rospo artigliato africano, probabilmente vivevano di piccoli crostacei, larve di insetti e piccoli pesci e fornivano essi stessi sostentamento a molti altri animali. Il cambiamento climatico all'inizio del Pliocene fu una vera catastrofe per Paleobatraco, che necessitava di calore e, essendo specializzato, non riusciva ad adattarsi alle mutate condizioni. Gli ambienti ricchi d'acqua e caldi che esistevano nell'area dei Paesi Bassi, fungendo da refugium per Palaeobatrachus, hanno permesso a una specie (P. eurydices) di sopravvivere nell'Europa occidentale fino al Pleistocene inferiore. Inoltre una specie persistette nella Russia meridionale fino al Pleistocene medio.

Diffusione

Palaeobatrachus (che significa "antica rana" in greco) era un genere di rane primitive dall'Europa che esisteva dal Thanetiano al Pleistocene medio (stadio ionico) (621-568ka), e forse al tardo Cretaceo. Sebbene non strettamente imparentato, somigliava superficialmente all'odierno rospo artigliato africano Xenopus. Il genere eocenico Albionbatrachus era considerato sinonimo di Palaeobatrachus da Wuttke et al. (2012), ma Rocek et al. (2015) lo ha mantenuto come un taxon separato. La specie nominale Palaeobatrachus occidentalis č stata descritta da materiale trovato nel tardo Cretaceo-Paleocene inferiore del Nord America occidentale, ma Rocek (2013) ne ha messo in dubbio l'attribuzione generica.

Bibliografia

–Wuttke, M; Prikryl, T; Ratnikov, VY; Dvorák, Z; Rocek, Z (September 2012). "Generic diversity and distributional dynamics of the Palaeobatrachidae (Amphibia: Anura)". Palaeobiodiversity and Palaeoenvironments. 92 (3): 367-395.
–Venczel, M; Codrea, V; Farcas, C (2013). "A new palaeobatrachid frog from the early Oligocene of Suceag, Romania". Journal of Systematic Palaeontology. 11 (2): 179-189.
–Rocek, Z., Boistel, R., Lenoir, N., Mazurier, A., Pierce, S.E., Rage, J.-C., Smirnov, S.V., Schwermann, A.H., Valentin, X., Venczel, M., Wuttke, M., and Zikmund, T. 2015. Frontoparietal bone in extinct Palaeobatrachidae (Anura): its variation and taxonomic value. The Anatomical Record, 298:1848-1863.
–Estes, R. and Sanchíz, B. 1982. New discoglossid and palaeobatrachid frogs from the Late Cretaceous of Wyoming and Montana, and a review of other frogs from the Lance and Hell Creek Formations. Journal of Vertebrate Paleontology 2:9-20.
–Rocek, Z. 2013. Mesozoic and Tertiary Anura of Laurasia. Palaeobiodiversity and Palaeoenvironments, 93:397-439.
–Andrea Villa; Zbynek Rocek; Emanuel Tschopp; Lars W. Van Den Hoek Ostende; Massimo Delfino (2016). "Palaeobatrachus eurydices, sp. nov. (Amphibia, Anura), the last western European palaeobatrachid". Journal of Vertebrate Paleontology. 36 (6).


00022 Data: 24/10/1978
Emissione: 250 anni Musei della scienza di Stato a Dresda
Stato: Germany (Est)
Nota: Emesso in una serie
di 6 v. diversi