Tematica Animali preistorici


Giganotosaurus carolinii Coria & Salgado, 1995

User: Casliber
(Da: it.wikipedia.org)

Phylum: Chordata Haeckel, 1874

Subphylum: Vertebrata Cuvier, 1812

Classe: Archosauria Cope, 1869

Ordine: Saurischia Seeley, 1887

Famiglia: Carcharodontosauridae Stromer, 1931

Genere: Giganotosaurus Coria & Salgado, 1995

 


Descrizione: Il Giganotosaurus è stato uno dei più grandi carnivori terrestri conosciuti, ma le dimensioni esatte sono alquanto difficili da determinare a causa dell'incompletezza dei resti ritrovati finora. Le stime condotte sul campione più completo vanno da una lunghezza di 12 a 13 metri, un cranio da 1.53 a 1,80 metri di lunghezza e un peso da 4,2 a 13.8 tonnellate (4.6 a 15.2 tonnellate brevi). La mandibola isolata che apparteneva ad un individuo presumibilmente più grande è stato utilizzata per estrapolare una lunghezza di 13,2 metri, rendendo il Giganotosaurus ancora più grande del Tyrannosaurus, storicamente considerato il più grande dinosauro carnivoro. Tuttavia, lo Spinosaurus batteva entrambi in termini di lunghezza e alcuni paleontologi pensano che le stime estrapolate dalla mandibola siano esagerate. Inoltre in base a successive scoperte di alcuni scheletri incompleti di T. rex ( MOR 008 e C- Rex ) le cui stime superavano il più grande e completo scheletro di T. rex ritrovato (denominato "Sue"), si è compreso che sostanzialmente le due specie si equivalessero. Il cranio dell'animale era basso, con ossa nasali rugose e una sorta di cresta ossea che percorreva l'osso lacrimale fin davanti all'occhio. La parte anteriore della mascella inferiore è appiattita, e aveva un processo basso sporgente (o "mento") sulla punta. I denti erano compressi lateralmente ed erano provvisti di dentellature. Il collo era forte e la cintura pettorale proporzionalmente piccola. Parte della famiglia dei Carcharodontosauridae, il Giganotosaurus è uno dei membri più completi e meglio noti del gruppo, che comprende alcuni dei più grandi teropodi noti, come il Mapusaurus e il Carcharodontosaurus. Si pensa che il GiganotosaurusGiganotosaurus era il superpredatore del suo ecosistema, cacciando e nutrendosi di qualunque creatura.

Diffusione: Genere estinto di dinosauro teropode carcharodontosauride vissuto nel Cretaceo superiore, circa 99.6-97 milioni di anni fa (Cenomaniano), in quella che oggi è l'Argentina. L'olotipo del Giganotosaurus è stato scoperto nel 1993 nella Formazione Candeleros, in Patagonia, e rappresenta da solo ben il 70% dell'intero animale. L'animale venne descritto come G. carolinii nel 1995; il nome del genere, Giganotosaurus, si traduce come "lucertola gigante del sud", mentre il nome specifico onora il suo scopritore, Rubén D. Carolini. Prima della scoperta dell'olotipo erano già stati ritrovati una mandibola, un dente e alcune impronte fossili che successivamente sono state assegnate al genere. Il genere ha attirato su di sé molto interesse ed è diventato parte di un dibattito scientifico circa le dimensioni massime dei dinosauri teropodi.

Bibliografia: –Coria, R. A.; Salgado, L. (1995). "A new giant carnivorous dinosaur from the Cretaceous of Patagonia". Nature. 377 (6546): 224-226.
–Haines, T.; Chambers, P. (2007). The Complete Guide to Prehistoric Life. Italy: Firefly Books Ltd. pp. 116-117. ISBN 978-1-55407-181-4.
–Coria, R. A.; Currie, P. J. (2002). "The braincase of Giganotosaurus carolinii (Dinosauria: Theropoda) from the Upper Cretaceous of Argentina". Journal of Vertebrate Paleontology. 22 (4): 802-811.
–Calvo, J. O.; Coria, R. A. (1998). "New specimen of Giganotosaurus carolinii (Coria & Salgado, 1995), supports it as the largest theropod ever found". Gaia. 15: 117-122.
–Therrien, F.; Henderson, D. M. (2007). "My theropod is bigger than yours...or not: estimating body size from skull length in theropods". Journal of Vertebrate Paleontology. 27 (1): 108-115.
–Holtz, T. R. (2011). "Dinosaurs: The Most Complete, Up-to-Date Encyclopedia for Dinosaur Lovers of All Ages, Winter 2011 Appendix" (PDF). Retrieved 13 January 2012.
–Hartman, S. (2013). "Mass estimates: North vs South redux". Scott Hartman's Skeletal Drawing.com. Retrieved August 24, 2013.
–Carrano, M. T.; Benson, R. B. J.; Sampson, S. D. (2012). "The phylogeny of Tetanurae (Dinosauria: Theropoda)". Journal of Systematic Palaeontology. 10 (2): 211-300.
–Monastersky, R. (1995). "New beast usurps T. rex as king carnivore". Science News. 148 (13): 199.
–Coria, R.A.; Currie, P.J. (2006). "A new carcharodontosaurid (Dinosauria, Theropoda) from the Upper Cretaceous of Argentina". Geodiversitas. 28 (1): 71-118.
–Paulina Carabajal, Ariana; Canale, J.I. (2010). "Cranial endocast of the carcharodontosaurid theropod Giganotosaurus carolinii Coria & Salgado, 1995". Neues Jahrbuch für Geologie und Paläontologie, Abhandlungen. 258 (2): 249-256.
–Novas, F. E.; de Valais, S.; Vickers-Rich, P.; Rich, T. (2005). "A large Cretaceous theropod from Patagonia, Argentina, and the evolution of carcharodontosaurids". Naturwissenschaften. 92 (5): 226-230. Bibcode:2005NW.....92..226N.
–Canale, J. I.; Novas, F. E.; Pol, D. (2014). "Osteology and phylogenetic relationships of Tyrannotitan chubutensis Novas, de Valais, Vickers-Rich and Rich, 2005 (Theropoda: Carcharodontosauridae) from the Lower Cretaceous of Patagonia, Argentina". Historical Biology. 27 (1): 1-32.
–Calvo, J. O. (1999). "Dinosaurs and other vertebrates of the Lake Ezequiel Ramos Mexía area, Neuquén-Patagonia, Argentina". National Science Museum Monographs. 15: 13-45.
–Brusatte, S. L.; Benson, R. B. J.; Carr, T. D.; Williamson, T. E.; Sereno, P. C. (2007). "The Systematic Utility of Theropod Enamel Wrinkles". Journal of Vertebrate Paleontology. 27 (4): 1052–1056.
–Hajek, D. (2015). "Bankrolling A Dinosaur Dig And Unearthing A Giant: The Giganotosaurus". NPR.org. Retrieved 3 August 2016.
–Pons, M. "Ernesto Bachmann Dinosaurs Museum - El Chocón". Welcome Argentina. Retrieved 3 August 2016.
–Coria, R. A.; Sagado, L. (1994). "A giant theropod from the middle Cretaceous of Patagonia, Argentina". Journal of Vertebrate Paleontology. 14 (3): 22A.
–Glut, D. F. (1997). Dinosaurs: The Encyclopedia. Jefferson, North Carolina: McFarland & Co. p. 438. ISBN 978-0-89950-917-4.
–Pons, M. "El Chocón Dinosaurs Museum". InterPatagonia. Retrieved 14 November 2016.


Data: 11/12/1998

Emissione: Animali preistorici

Stato: Chad

Data: 23/12/2002

Emissione: Animali preistorici e Scout

Stato: Central African Republic


Data: 15/09/2006

Emissione: Dinosauri

Stato: Kiribati

Data: 09/11/2009

Emissione: Mostra a Belgrado dei dinosauri argentini

Stato: Serbia


Data: 01/12/2011

Emissione: Animali preistorici

Stato: Burundi

Data: 22/12/2014

Emissione: Dinosauri

Stato: Palau

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi


Data: 10/05/2016

Emissione: Dinosauri

Stato: Mozambique

Data: 25/06/2016

Emissione: Animali preistorici

Stato: Transnistria

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi


Data: 28/02/2017

Emissione: Animali preistorici - Dinosauri

Stato: Togo

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi

Data: 28/02/2017

Emissione: Animali preistorici - Dinosauri

Stato: Togo

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi


Data: 12/06/2018

Emissione: I dinosauri

Stato: Djibouti

Data: 28/06/2018

Emissione: I dinosauri

Stato: Togo

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi


Data: 16/01/2019

Emissione: I dinosauri

Stato: Central African Republic

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi

Data: 16/01/2019

Emissione: I dinosauri

Stato: Central African Republic

Nota: Presente nel foglietto


Data: 10/02/2019

Emissione: Dinosauri

Stato: Mozambique

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi

Data: 17/07/2019

Emissione: Dinosauri

Stato: Guinea-Bissau

Nota: Emesso in un foglietto di 5 v. diversi e uma vignetta senza valore