Tematica Animali preistorici


Caviramus schesaplanensis Fröbisch & Fröbisch, 2006

Da: www.pinterest.co.uk.

Phylum: Chordata Haeckel, 1874

Subphylum: Vertebrata Cuvier, 1812

Classe: Reptilia Laurenti, 1768

Ordine: Pterosauria Kaup, 1834

Famiglia: Campylognathoididae Kuhn, 1967

Genere: Caviramus Fröbisch & Fröbisch, 2006

 


Descrizione: Il genere č stato nominato nel 2006 da Nadia Fröbisch e Jörg Fröbisch. La specie tipo č ol Caviramus schesaplanensis. Il nome del genere deriva dal latino cavus, cavo e ramus, ramo. Il nome della specie si riferisce al Monte Schesaplana. Il genere si basa sull'olotipo PIMUZ A / III 1225, tre frammenti non contigui di un ramo (mascella inferiore) della mascella con denti multicuspidi. Sono stati conservati due denti, uno con tre cuspidi e l'altro con quattro; Nonostante questa differenza, gli autori lo considerano essenzialmente isodonte. Il numero di denti č stato stimato tra un minimo di dodici e un massimo di diciassette. Una fila di forami ovali grandi corre parallela alla fila dentale; i forami sotto forma di piccoli spazi nella parte anteriore della mascella suggeriscono una sorta di struttura dei tessuti molli o un rivestimento di cheratina. La mascella č leggera e vuota. I denti di questo genere sono simili a quelli dell’Eudimorphodon, ma la mascella inferiore č diversa. La scoperta di questo genere č una scoperta di qualche significato, poiché sono noti pochi pterosauri triassici. Un secondo esemplare, originariamente assegnato al proprio genere e specie, Raeticodactylus filisurensis, č costituito da un singolo scheletro parziale disarticolato che include un cranio quasi completo. Il cranio mostra che aveva una cresta alta e sottile che correva lungo la linea mediana della parte anteriore della mascella superiore e una chiglia sulla mascella inferiore. I denti nella parte anteriore della mascella superiore, nella premaxilla , erano a forma di zanna, di cui i denti sulla guancia superiore (la mascella superiore) avevano tre, quattro o cinque cuspidi, simili a quelli dell’Eudimorphodon. Il Caviramus aveva un'apertura alare di circa 135 centimetri e potrebbe essere stato un piscivoro, potenzialmente un cacciatore ad immersione. Nonostante la sua somiglianza con l’>i>Eudimorphodon, gli autori hanno classificato il Caviramus come una Pterosauria incertae sedis. Uno studio del 2009 di Fabio Dalla Vecchia ha concluso che il Raeticodactylus, noto da uno scheletro piů completo che includeva una mascella inferiore, probabilmente apparteneva allo stesso genere, e forse alla stessa specie, se le differenze (come dimensioni e la presenza di una cresta sul campione del Raeticodactylus) non č dovuta al sesso o all'etŕ. Studi successivi hanno supportato questa sinonimia. Dalla Vecchia ha scoperto che i due formano un clade fratello del Carniadactylus, il Raeticodactylus filisurensis che era un membro della famiglia Campylognathoididae.

Diffusione: Č un genere pterosauro estinto vissuto nel Triassico superiore, trovato nella parte inferiore della formazione Kössen nel Alpi bavaresi della Svizzera.

Sinonimi: = Raeticodactylus filisurensis? Stecher, 2008.

Bibliografia: –Fröbisch, N.B.; Fröbisch, J. (2006). «A new basal pterosaur genus from the upper Triassic of the Northern Calcareous Alps of Switzerland». Palaeontology 49 (5): 1081-1090. doi:10.1111/j.1475-4983.2006.00581.x. Consultado el 2 de marzo de 2007.
–Stecher, Rico (2008). «A new Triassic pterosaur from Switzerland (Central Austroalpine, Grisons), Raeticodactylus filisurensis gen. et sp. nov». Swiss Journal of Geosciences 101: 185.
–Osi, A. (2010). "Feeding-related characters in basal pterosaurs: implications for jaw mechanism, dental function and diet." Lethaia.
–Dalla Vecchia, F.M. (2009). "Anatomy and systematics of the pterosaur Carniadactylus (gen. n.) rosenfeldi (Dalla Vecchia, 1995)." Rivista Italiana de Paleontologia e Stratigrafia, 115(2): 159-188.


Data: 27/08/2019

Emissione: I dinosauri volanti

Stato: Djibouti

Nota: Presente nel foglietto

Data: 27/08/2019

Emissione: I dinosauri volanti

Stato: Djibouti

Nota: Emesso in un foglietto di 4 v. diversi