Tematica Animali preistorici


Baryonyx walkeri Charig & Milner, 1986

Ill.: Nobu Tamura.

Phylum: Chordata Haeckel, 1874

Subphylum: Vertebrata Cuvier, 1812

Classe: Sauropsida Huxley, 1864

Ordine: Saurischia Seeley, 1887

Famiglia: Spinosauridae Stromer, 1915

Genere: Baryonyx Charig & Milner, 1986

 


Descrizione: Era un dinosauro carnivoro vissuto nel Cretaceo inferiore (circa 120 milioni di anni fa) i cui resti fossili sono stati ritrovati in Inghilterra meridionale. Nel 1983 William Walker, un cercatore di fossili dilettante, fece una scoperta sensazionale. Sepolto in una cava del Surrey, in Inghilterra, trovò i frammenti di un enorme artiglio ricurvo, grosso come il piede di un uomo. Quando gli esperti del British Museum si recarono sul posto e cominciarono a studiare il giacimento, scoprirono uno scheletro di dinosauro lungo 8,5 mt. fino a quel momento sconosciuto, che tre anni dopo fu descritto come Baryonyx walkeri in onore di Walker. Il nome del genere significa "pesante artiglio". La scoperta segnò un rinvigorimento dell'interesse per i ricchi giacimenti inglesi del Cretaceo inferiore, e tutt'oggi è considerata una delle più importanti avvenute in Europa nel '900. Immaginando un coccodrillo alto come un orso polare in piedi e lungo come un autobus, si può avere l'idea di come dovesse apparire il barionice. Dinosauro carnivoro come il tirannosauro, il barionice aveva però una testa lunga e piatta con una piccola protuberanza sulla cima. Il cranio era completamente diverso da quello degli altri teropodi. Il muso era lungo e basso, con uno strano profilo da coccodrillo. I denti acuminati erano presenti in misura doppia rispetto agli altri dinosauri carnivori. Finora sono state rinvenute le ossa di solo metà scheletro di questo carnivoro, tuttavia i paleontologi hanno ricostruito i pezzi mancanti e li hanno montati assieme a quelli trovati. Il risultato è lo scheletro di un essere davvero particolare. Sono state trovate pochissime ossa della coda del barionice, ma gli scienziati sono riusciti a ricostruirla basandosi sulla forma della colonna vertebrale. Come molti altri dinosauri carnivori, anche questo dinosauro aveva una coda affusolata con cui si bilanciava quando correva sulle zampe posteriori. Il collo era lungo e muscoloso, ma le vertebre implicano una strana rigidità, assente in altri dinosauri carnivori, e molto probabilmente il collo non poteva essere piegato a "S". Il barionice aveva le braccia più lunghe della maggioranza dei dinosauri carnivori. Il grande artiglio ricurvo era probabilmente posto sul primo dito delle zampe anteriori, e doveva essere un'arma formidabile. Quando l'animale stava fermo tutto il peso del corpo era agevolmente sostenuto dalle quattro zampe, ma quando spiccava la corsa probabilmente si rizzava sulle zampe posteriori. Questo gli permetteva di lasciar libere le “mani” artigliate per difendersi o attaccare. Le lunghe mascelle del Baryonyx erano dotate di denti acuminati. Quelli più grossi erano posti nella parte anteriore della bocca, mentre posteriormente c’erano dei denti più piccoli. Il Baryonyx li usava per trattenere il pesce guizzante prima di inghiottirlo. Gli scienziati hanno trovato una testimonianza che il Baryonyx fosse un buon pescatore. Alcune scaglie di un pesce fossile, il Lepidotes, sono state infatti trovate vicino alla sua gabbia toracica. Questo significa che l'ultimo pranzo di questo dinosauro fu del pesce. Il Baryonyx aveva diversi modi per catturare il pesce. Il grosso artiglio della mano poteva essere un ottimo "amo" da pesca. Forse il dinosauro aspettava pazientemente in mezzo all'acqua bassa, pronto a scattare. Quando un pesce gli nuotava vicino subito lo infilzava, un po' come fanno i grizzly attuali in Nordamerica. Un'altra ipotesi sul suo modo di nutrirsi riguardava il muso da coccodrillo. Il suo profilo sembra costruito apposta per trattenere il pesce, ma potrebbe anche essere stato utile per cibarsi di animali morti, inoltrandosi nelle viscere delle carcasse. In questo senso, il barionice potrebbe essere stato anche uno "spazzino", analogo agli attuali sciacalli e iene.

Diffusione: Oltre al ritrovamento inglese, è stato rinvenuto un teschio parziale di barionice anche in Spagna, probabilmente appartenente alla medesima specie. In Niger sono stati rinvenuti resti frammentari (principalmente un altro grande artiglio e una parte di mascella) di un esemplare che potrebbe essere appartenuto allo stesso genere della forma inglese. Evidentemente il barionice doveva essere un animale abbastanza diffuso. Nel 1999, Paul Sereno descrisse un altro animale simile, proveniente anch'esso dal Niger, e lo chiamò Suchomimus tenerensis. Le dimensioni di questo animale raggiungevano i 13 metri contro i 10 del Baryonyx, ma l'aspetto doveva essere molto simile; per questo motivo, molti paleontologi ritengono che Suchomimus e Baryonyx siano congenerici. Altri resti frammentari, rappresentati da un pezzo di artiglio, provengono dall'Australia. I parenti più stretti del barionice vanno ricercati tra gli spinosauri (Spinosauridae), grandi teropodi forniti di vela dorsale, come lo Spinosauro.

Bibliografia: –Charig, A. J.; Milner, A. C. (1986). "Baryonyx, a remarkable new theropod dinosaur". Nature. 324 (6095): 359-361.
–Psihoyos, L.; Knoebber, J. (1994). Hunting Dinosaurs. London: Cassell. pp. 176-179. ISBN 978-0679431244.
–Charig, A. J.; Milner, A. C. (1997). "Baryonyx walkeri, a fish-eating dinosaur from the Wealden of Surrey". Bulletin of the Natural History Museum of London. 53: 11-70.
–Edwards, D. D. (1986). "Fossil claw unearths a new family tree". Science News. 130 (23): 356.
–Moody, R. T. J.; Naish, D. (2010). "Alan Jack Charig (1927–1997): An overview of his academic accomplishments and role in the world of fossil reptile research". Geological Society, London, Special Publications. 343 (1): 89-109.
–Charig, A. J.; Milner, A. C. (1990). "The systematic position of Baryonyx walkeri, in the light of Gauthier's reclassification of the Theropoda". In Carpenter, K.; Currie, P. J. (eds.). Dinosaur Systematics: Perspectives and Approaches. Cambridge: Cambridge University Press. pp. 127-140.
–Milner, A. C. (2003). "Fish-eating theropods: A short review of the systematics, biology and palaeobiogeography of spinosaurs". Actas de las II Jornadas Internacionales Sobre Paleontologýa de Dinosaurios y Su Entorno: 129-138.
–Cuff, A. R.; Rayfield, E. J. (2013). Farke, Andrew A (ed.). "Feeding Mechanics in Spinosaurid Theropods and Extant Crocodilians". PLoS ONE. 8 (5): e65295.
–Norman, D. B. (1985). "Dromaeosaurids". The Illustrated Encyclopedia of Dinosaurs: An Original and Compelling Insight into Life in the Dinosaur Kingdom. New York: Crescent Books. pp. 57-58. ISBN 978-0-517-46890-6.
–Osterloff, E. (2018). "Debunking dinosaur myths and movie misconceptions". www.nhm.ac.uk. Retrieved 20 October 2018.
–Hone, D. W. E.; Holtz, T. R. (2017). "A century of spinosaurs - a review and revision of the Spinosauridae with comments on their ecology". Acta Geologica Sinica - English Edition. 91 (3): 1120-1132.
–Clabby, S. M. (2005). "Baryonyx Charig and Milner 1986". DinoWight. Retrieved October 12, 2015.
–Munt, M. C.; Blackwell, G.; Clark, J.; Foster, B. (2017). "New spinosaurid dinosaur finds from the Wessex Formation (Wealden Group, Early Cretaceous) of the Isle of Wight". SVPCA. 65: 1.
–Viera, L. I.; Torres, J. A. (1995). "Presencia de Baryonyx walkeri (Saurischia, Theropoda) en el Weald de La Rioja (España)". Munibe Ciencias Naturales (in Spanish). 47: 57-61. ISSN 0214-7688.
–Holtz, T. R.; Molnar, R. E.; Currie, P. J. (2004). "Basal Tetanurae". In Weishampel, D. B.; Dodson, P.; Osmolska, H. (eds.). The Dinosauria (2 ed.). Berkeley: University of California Press. pp. 71-110.
–Vidarte, C. F.; Calvo, M. M.; Meijide, M.; Izquierdo, L. A.; Montero, D.; Pérez, G.; Torcida, F.; Urién, V.; Fuentes, F. M.; Fuentes, M. M. (2001). "Restos fósiles de Baryonyx (Dinosauria, Theropoda) en el Cretácico Inferior de Salas de los Infantes (Burgos, España)". Actas de las I Jornadas Internacionales Sobre Paleontología de Dinosaurios y Su Entorno. Salas de los Infantes, Burgos (in Spanish): 349-359.
–Pereda-Suberbiola, X.; Ruiz-Omeñaca, J. I.; Canudo, J. I.; Torcida, F.; Sanz, J. L. (2012). "Dinosaur Faunas from the Early Cretaceous (Valanginian-Albian) of Spain". In Godefroit, P. (ed.). Bernissart Dinosaurs. Indiana University Press. pp. 389-390. ISBN 978-0-253-00570-0.
–Pérez-Lorente, F. (2015). Dinosaur Footprints and Trackways of La Rioja. Life of the Past. Indiana: Indiana University Press. p. 325. ISBN 978-0-253-01515-0. Mateus, O.; Araújo, R.; Natário, C.; Castanhinha, R. (2011). "A new specimen of the theropod dinosaur Baryonyx from the early Cretaceous of Portugal and taxonomic validity of Suchosaurus" (PDF). Zootaxa. 2827. 2827: 54-68.
–Arden, T. M.S.; Klein, C. G.; Zouhri, S.; Longrich, N. R. (2018). "Aquatic adaptation in the skull of carnivorous dinosaurs (Theropoda: Spinosauridae) and the evolution of aquatic habits in spinosaurus". Cretaceous Research. 93: 275-284.


Data: 05/11/1992

Emissione: Dinosauri

Stato: Tanzania

Data: 20/04/1994

Emissione: Animali preistorici

Stato: St. Vincent and the Grenadines

Nota: Emesso in un foglietto di 12 v. diversi


Data: 20/06/1994

Emissione: L'età dei dinosauri

Stato: Maldives

Nota: Emesso in un foglietto di 12 v. diversi

Data: 06/02/1995

Emissione: Animali preistorici

Stato: Gambia


Data: 08/09/1995

Emissione: Animali preistorici

Stato: Commonwealth of Dominica

Data: 20/11/1995

Emissione: Animali preistorici

Stato: Libya


Data: 23/06/1997

Emissione: Dinosauri

Stato: Gambia

Data: 20/11/1997

Emissione: Animali preistorici

Stato: Maldives


Data: 25/07/1998

Emissione: Dinosauri

Stato: Benin

Nota: Emesso in un foglietto di 9 v. diversi

Data: 11/12/1998

Emissione: Fossili e dipinti rupestri

Stato: Chad


Data: 18/01/1999

Emissione: Animali preistorici

Stato: Liberia

Nota: Emesso in un foglietto di 8 v. diversi

Data: 01/06/1999

Emissione: Animali preistorici

Stato: Commonwealth of Dominica


Data: 12/08/1999

Emissione: Fauna preistorica

Stato: Guinea

Data: 01/01/2000

Emissione: Fauna preistorica

Stato: Angola


Data: 31/07/2001

Emissione: Mostra filatelica internazionale Belgica 01 Brussel Belgio

Stato: Central African Republic

Data: 10/01/2004

Emissione: Dinosauri

Stato: St. Thomas and Prince


Data: 14/08/2006

Emissione: Dinosauri

Stato: Solomon Islands

Data: 01/01/2009

Emissione: Animali preistorici

Stato: Equatorial Guinea


Data: 10/10/2010

Emissione: Dinosauri

Stato: United Kingdom

Data: 22/11/2013

Emissione: Fossili e dinosauri

Stato: Solomon Islands


Data: 22/05/2015

Emissione: Dinosauri

Stato: Sierra Leone

Nota: Emesso in un foglietto di 6 v. diversi

Data: 31/01/2016

Emissione: Animali preistorici

Stato: Cuba


Data: 01/12/2016

Emissione: Dinosauri

Stato: Solomon Islands

Nota: Emesso in foglio di 36 v. diversi

Data: 15/12/2016

Emissione: I dinosauri

Stato: Togo