Tematica Animali preistorici


Ampelosaurus atacis Le Loeuff, 1995

Foto: Ghedoghedo
(Da: it.wikipedia.org)

Phylum: Chordata Haeckel, 1874

Subphylum: Vertebrata Cuvier, 1812

Classe: Reptilia Laurenti, 1768

Ordine: Saurischia Seeley, 1887

Famiglia: Nemegtosauridae Barrett und Upchurch, 1995

Genere: Ampelosaurus Le Loeuff, 1995

 


Descrizione: I resti fossili sono abbastanza completi da permettere una ricostruzione di questo animale: come la maggior parte dei sauropodi, questo dinosauro possedeva collo e coda lunghi e un corpo dalla struttura massiccia, ma una sua caratteristica era la presenza di un'armatura costituita da placche ossee immerse nella pelle (osteodermi). La lunghezza dell'intero animale doveva raggiungere i 15 metri. I primi fossili di Ampelosaurus vennero ritrovati nei pressi del comune di Campagne-sur-Aude nel dipartimento dell'Aude, in Francia, nel 1989. I resti includevano numerose vertebre del dorso e della coda, alcune ossa delle zampe, un dente e quattro osteodermi di differenti dimensioni; le varie ossa appartenevano a diversi esemplari. La descrizione formale avvenne solo nel 1995. Successivamente numerosi altri resti sono stati dissotterrati, tra cui uno scheletro quasi completo con tanto di cranio. Le caratteristiche delle vertebre caudali e la presenza di osteodermi indicano che l’Ampelosaurus apparteneva ai Lithostrotia, un gruppo di sauropodi titanosauri evoluti, che comprendeva anche il Saltasaurus e l’Alamosaurus. In ogni caso, l’Ampelosaurus non è mai stato inserito in una analisi cladistica e le sue esatte parentele non sono chiare. Il nome deriva dal greco ampelos (vigna) e sauros (lucertola), ovvero "lucertola delle vigne". Il nome è dovuto al fatto che i fossili vennero scoperti in una regione ricca di vigneti nel sud della Francia. L'epiteto specifico, atacis, deriva dal fiume Aude (Atax in latino) che scorre nei pressi del ritrovamento. I sedimenti in cui è stato ritrovato l’Ampelosaurus indicano che nel Maastrichtiano inferiore, circa 70 milioni di anni fa, era presente un'antica pianura alluvionale con numerosi canali fluviali. L’>i>Ampelosaurus è il sauropode meglio conosciuto del Cretaceo europeo; tra gli altri sauropodi del Cretaceo superiore, tutti appartenenti al gruppo dei titanosauri, da ricordare anche l’Hypselosaurus (a cui sono state attribuite uova fossili), il piccolo Magyarosaurus, l’Atsinganosaurus e il Lirainosaurus. Nonostante la maggior parte dei titanosauri sia stata rinvenuta nei continenti meridionali (che un tempo facevano parte del Gondwana), alcune specie evolute sono note da sedimenti del Maastrichtiano nell'emisfero settentrionale, tra cui l’Alamosaurus in Nordamerica e l’Opisthocoelicaudia in Asia. Ciò starebbe a indicare che vi fu uno scambio faunistico almeno intermittente tra i continenti settentrionali e quelli meridionali. L'Europa, allora costituita da isole, potrebbe aver funzionato da "ponte". Questa ipotesi sembrerebbe corroborata dal ritrovamento in Francia del Tarascosaurus, un teropode appartenente a un gruppo tipicamente "meridionale", gli abelisauri.

Diffusione: Visse nel Cretaceo superiore (Maastrichtiano, circa 70 milioni di anni fa) e i suoi resti sono stati ritrovati in Europa (Francia).

Bibliografia: –Le Loeuff, J. (1995). "Ampelosaurus atacis (nov. Gen., nov. Sp.), un nouveau Titanosauridae (Dinosauria, Sauropoda) du Crétacé supérieur de la Haute Vallée de l'Aude (France)" (PDF). Comptes Rendus de l'Académie des Sciences. Iia. 321: 693-699.
–Paul, G.S., 2010 The Princeton Field Guide to Dinosaurs, Princeton University Press p. 207.
–Salgado, L.; Coria, R.A. (2005). "Sauropods of Patagonia: systematic update and notes on global sauropod evolution". In Carpenter, K.; Tidwell, V. (eds.). Thunder-Lizards: The Sauropodomorph Dinosaurs. Bloomington: Indiana University Press. Pp. 430-453. ISBN 978-0-253-34542-4.
–Le Loeuff, J. (2005). "Osteology of Ampelosaurus atacis (Titanosauria) from Southern France". In Tidwell, V.; Carpenter, K. (eds.). Thunder-Lizards: The Sauropodomorph Dinosaurs. Bloomington: Indiana University Press. Pp. 115–137. ISBN 978-0-253-34542-4.
–Wilson, J.A. (2002). "Sauropod dinosaur phylogeny: critique and cladistic analysis" (PDF). Zoological Journal of the Linnean Society. 136 (2): 217-276.
–Klein, N.; Sander, P. M.; Stein, K.; Le Loeuff, J.; Carballido, J. L.; Buffetaut, E. (2012). Farke, Andrew A (ed.). "Modified Laminar Bone in Ampelosaurus atacis and Other Titanosaurs (Sauropoda): Implications for Life History and Physiology". PLoS ONE. 7 (5): e36907.
–Knoll, F.; Ridgely, R. C.; Ortega, F.; Sanz, J. L.; Witmer, L. M. (2013). Butler, Richard J (ed.). "Neurocranial Osteology and Neuroanatomy of a Late Cretaceous Titanosaurian Sauropod from Spain (Ampelosaurus sp.)". PLoS ONE. 8 (1): e54991.
–Souillat, C. & Le Loeuff, J. (2002). "Numéro Spécial 2002". La Lettre de Dinosauria: 1-23.
–Weishampel, D.B.; Dodson, P.; Osmolska, H. (2004). The Dinosauria (2nd ed.). Berkeley: University of California Press. Pp. 259-322, 588-593. ISBN 978-0-520-24209-8.
–Wilson, J.A.; Sereno, P.C. (1998). "Early evolution and higher-level phylogeny of sauropod dinosaurs. Society of Vertebrate Paleontology Memoir 5". Journal of Vertebrate Paleontology. 18: 1-68.
–Le Loeuff, J. (1998). "Les dinosaures du Crétacé supérieur de l'Île Ibéro-Armoricaine" [The dinosaurs of the Upper Cretaceous of the Ibero-Armorican Island]. In de Carvalho, A.M.G.; Andrade, A.M.; dos Santos, V.F.; Cascalho, J.; Taborda, R. (eds.). I Encontro Internacional sobre Paleobiologia dos Dinossáurios. Lisboa: Museu Nacional de História Natural. Pp. 49-64.
–Le Loeuff, J.; Buffetaut, E. (1996). "Ampelosaurus atacis, the dinosaur of the wineyard". The Dinosaur Society UK Quarterly. 1 (4): 1-2.
–Díez Díaz, V.; Garcia, G.; Pereda-Suberbiola, X.; Jentgen-Ceschino, B.; Stein, K.; Godefroit, P.; Valentin, X. (2018). "The titanosaurian dinosaur Atsinganosaurus velauciensis (Sauropoda) from the Upper Cretaceous of southern France: New material, phylogenetic affinities, and palaeobiogeographical implications". Cretaceous Research. 91: 429-456.
–Barroso-Barcenilla, F.; Cambra-Moo, O.; Escaso, F.; Ortega, F.; Pascual, A.; Pérez-García, A.; Rodríguez-Lázaro, J.; Sanz, J. L.; Segura, M.; Torices, A. (2009). "New and exceptional discovery in the Upper Cretaceous of the Iberian Peninsula: The palaeontological site of "Lo Hueco", Cuenca, Spain". Cretaceous Research. 30 (5): 1268.
–Le Loeuff, J. & Buffetaut, E. (1991). "Tarascosaurus salluvicus nov. Gen., nov. Sp., dinosaure théropode du Crétacé supérieur du sud de la France [Tarascosaurus salluvicus, new genus, new species, a theropod dinosaur from the Upper Cretaceous of southern France]". Géobios. 25 (5): 585-594.


Data: 27/06/2012

Emissione: Animali preistorici

Stato: Liberia

Data: 15/09/2014

Emissione: I dinosauri

Stato: Gambia