Tematica Religione cristiana

San Gerardo Maiella

Da: it.wikipedia.org.

Nome: San Gerardo Maiella

Notizie: (Muro Lucano, 6 aprile 1726 - Materdomini, 16 ottobre 1755) Gerardo Maiella è stato un religioso italiano della Congregazione del Santissimo Redentore, canonizzato nel 1904 da papa Pio X. Nonostante la sua causa di beatificazione fosse iniziata tardi (ad 80 anni dalla morte) per diverse ragioni, continuo e crescente è stato nel corso dei secoli il numero di coloro che hanno invocato il patrocinio di Gerardo. Per questa fama sanctitatis sempre viva e mai assopita, papa Leone XIII lo dichiarò beato il 29 gennaio 1893. Ed è stato canonizzato da papa Pio X l'11 dicembre 1904. Una petizione firmata da migliaia di fedeli e centinaia di vescovi è stata presentata al Papa per far proclamare solennemente Gerardo Maiella patrono delle mamme e dei bambini per tutta la Chiesa Universale. Il culto del santo è particolarmente vivo nelle zone visitate dal Santo come Foggia, i paesi della provincia di Avellino, tra i quali Materdomini, che ne conserva le spoglie mortali, Muro Lucano, Pescopagano, Potenza, Monopoli; un suo santuario si trova pure nel territorio del comune di Piedimonte Etneo e vi è una chiesa a lui dedicata a Sant'Antonio Abate, paese di cui è compatrono. Il culto si è diffuso in maniera capillare anche in Europa, Oceania ed America. Numerose, infatti, sono le chiese, gli ospedali e le Case a lui dedicate. Incessanti i pellegrinaggi alla sua tomba. Si calcola, infatti, che più di un milione di pellegrini vi si recano ogni anno per venerare le sue spoglie mortali. Il suo Santuario è particolarmente frequentato dalle giovani mamme. A tal riguardo degna di nota è la bellissima Sala dei fiocchi, le cui pareti ed il cui soffitto sono ricoperti da migliaia di fiocchi rosa e celeste che le mamme, in segno di ringraziamento, hanno nel corso degli anni donato al Santo. Il Martirologio Romano fissa per la sua memoria liturgica la data del 16 ottobre.

 



Stato: Italy

Anno: 2005

Dentelli: 13 × 13¼

Tiratura: 3.500.000

Stampa: Rotocalco

Bozzettista: M. C. Perrini